LE 3 RECENSIONI
PIÙ LETTE
DELLA SETTIMANA
« Torna al menu di questo film

LA PROFONDA RELIGIOSITA' DEL SIGNORE DEGLI ANELLI
Roberto Beretta intervista Paolo Gulisano

Il Signore degli anelli come una Bibbia. Ilùvatar è il Dio creatore e Sauron rappresenta Satana. Il mago Gandalf al posto dell'angelo custode. E - già che ci siamo - la saggia regina degli elfi Galadriel che adombra la Madonna...
Ma davvero? Paolo Gulisano, medico docente universitario a Milano nonché tra i più autorevoli esperti di Tolkien nel Belpaese, ci prova. E' il primo tentativo italiano di lettura "religiosa" di Tolkien. Niente di fondamentalista: anzi, un saggio che ha il merito di dipanare biografia, opere e fonti dello scrittore inglese anche per gli ignari, condendole di ipotesi interpretative senza dubbio stimolanti.
Tolkien è considerato il "padre" della "fantasy" e lei, Gulisano, invece lo accredita come esempio di "realismo cristiano". Come concilia due giudizi tanto diversi?
"Noi per fantasy intendiamo la letteratura dell'immaginario, e Tolkien è sicuramente un esponente di questa narrativa del fantastico. Però, più che fantasy, egli ha inteso realizzare una riproposizione moderna del genere epico. Non è letteratura d'evasione, la sua, alla fine ne viene fuori un grandissimo quadro epico: una rivisitazione simbolica della storia umana".
Ma siamo sempre nella mitologia: e il realismo cristiano?
"I contenuti della saga degli anelli sono di un realismo profondamente umano e cristiano, opposto agli incubi di tutte le utopie. Tolkien immagina un mondo, quello della Terra di Mezzo, che è la nostra Terra come avrebbe potuto essere. La trama, i personaggi anche immaginari sono una rappresentazione di ciò che si agita nel cuore dell'uomo: l'amicizia, il male, la tentazione, il potere... Per paradosso, un'opera di fantasy ha rappresentato tutta la modernità".
Tolkien però era un anti-moderno, un "conservatore".
"Sì, se il termine significa conservare il bello. Tolkien considerava il mondo moderno un corruttore dell'animo umano: "La nostra è un'epoca di mezzi migliori per fini peggiori", scrisse. Non era però contro la scienza, bensì contro il suo uso distorto".
Lei cita una lettera in cui lo scrittore sembra prefigurare (e condannare) quella che oggi chiamiamo "globalizzazione".
"È vero, nelle sue lettere Tolkien critica la tendenza verso un mondo sempre più appiattito, dove le piccole realtà vengono schiacciate. Ed è difficile dargli torto in questa denuncia della corruzione dell'animo umano".
Quindi era pessimista sul futuro?
"Realismo è anche rendersi conto che le cose peggiorano. "Non tocca a noi - dice a un certo punto Gandalf - dominare tutte le maree del mondo, il nostro compito è fare il possibile per la salvezza degli anni nei quali viviamo". Compiere ognuno il proprio dovere rivela la concezione tolkeniana dell'eroismo: i suoi protagonisti non sono supereroi come di solito nella fantasy, la sovrumana impresa è affidata ai piccoli e buffi hobbit. Vuol dire che ognuno può essere grande: e questo è uno straordinario manifesto di realismo".
Sembra di parlare di uno scrittore "di sinistra". Invece Tolkien è sempre stato accusato - almeno in Italia - di simpatie destrorse.
"Un vecchio equivoco. In realtà, è difficile potersi appropriare di Tolkien. Lui sta in un'altra dimensione, nella dicotomia fra modernità illuministica e tradizione. Tolkien può essere sicuramente definito un autore tradizionale, che affonda le radici nel Medioevo e da lì critica i totalitarismi di destra e di sinistra".
Lei cita tra l'altro una lettera in cui lo scrittore, nel 1941, accusava Hitler di pervertire il "nobile spirito nordico, supremo contributo all'Europa"...
"Oggi a parlare di valori della nordicità si passa per leghisti... Ma solo in Italia Tolkien è stato sottoposto a queste letture ideologiche, che all'estero risultano incomprensibili".
Anche lei, però, lo vuol far passare per "scrittore cattolico"...
"No, per me non è un autore "cattolico" (anche se era fedelissimo a Roma ed ha più volte dichiarato che la sua è un'opera cattolica) bensì uno scrittore "religioso". Nei suoi libri non ci sono espressioni esplicitamente cristiane, ma moltissime domande religiose; è un mondo pre-cristiano, addirittura pre-biblico. Dio non è rivelato ma è cercato. E questo è uno degli aspetti più struggenti dell'opera tolkeniana".
Però le sue storie rivelano frequenti richiami biblici: il peccato originale, Babele....
"Sì, nel Silmarillion si ritrovano il tema della creazione (risolta nella musica), della caduta degli angeli come introduzione del caos nell'ordine del mondo, della colpa, del mito di Atlantide o di Babele culmine dell'arroganza umana... E poi l'eroismo come sacrificio e rinuncia, il tema medievale della "cerca" (svolta tuttavia al contrario e in modo ancor più cristiano: anziché conquistare un oggetto di potere, si tratta di eliminarlo)".
Lei parla di "dimensione teologica" di Tolkien: ma dov'è la rivelazione? Dov'è la grazia?
"Tolkien è tutto teso tra mito e grazia. In lui si legge infatti la consapevolezza che la vittoria finale spetta a Dio, nonostante le tragedie della storia. La grazia è rappresentata dalla bellezza, che può sollevare l'uomo dalla caduta. La grazia è il desiderio che un Dio - non nominato - ha messo nel cuore degli hobbit perché andassero alla ricerca della verità".
Ma davvero si può dire - come lei sostiene - che la sinistra italiana ha ostracizzato Tolkien perché odiava il suo cristianesimo?
"Negli anni Settanta la sinistra, che dominava la nostra scena culturale, fu di grande miopia. Un'interpretazione sbrigativa di Tolkien le fece pensare che si trattava di letteratura non "impegnata", inoltre le storie erano ambientate nel Medioevo e Umberto Eco non aveva ancora sdoganato quel periodo...".
Quali furono invece le reazioni dei cattolici italiani a Tolkien?
"L'uscita del libro passò quasi inosservata. D'altronde, la cultura cattolica italiana era in crisi e s'interessava semmai di autori francesi. Tuttavia il cardinale Biffi, in un convegno del 1992, ha rivelato di aver scoperto Tolkien quando ancora era parroco, e di esserne divenuto un estimatore. Il gesuita Guido Sommavilla fu tra i primi a interpretare gli hobbit in chiave religiosa. Ma ci fu anche chi, in ambienti tradizionalisti, criticò duramente Tolkien perché - con tutti quegli elfi e gnomi - era troppo pagano".
E oggi, Tolkien non rischia di diventare funzionale alla New Age?
"Sì, una New Age che si pasce di folletti e di culto degli alberi è in effetti interessata agli hobbit. Però la bellezza difesa da Tolkien non è affatto l'armonia predicata dalla New Age, non è star bene con la natura, bensì un segno visibile della grazia che trova la sua origine solo in Dio".

Finale de Le due Torri

Discorso di Sam a Frodo
Sam dice che gli eroi sono coloro che potevano tornare indietro, ma non l'hanno fatto... Anche il male è passeggero e un giorno sarà distrutto dal bene: è giusto combattere per questo!


https://www.youtube.com/watch?v=UNBzUumTlAQ

Torna al menu de "Il Signore degli Anelli", clicca qui!



VIDEO DELLA CONFERENZA DI ANDREA MONDA
Autore del libro "L'anello e la croce"

Guarda il video su YouTube, CLICCA QUI!
 


Scegli un genere
  • Per ricevere gratis la nostra newsletter

    Email:
    Nome:
    Privacy:  Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

IL TIMONE PARLA DI NOI
Non è sempre facile sapere in anticipo se una pellicola cinematografica merita di essere vista in un' ottica culturale e cattolica. FilmGarantiti.it rende più facile individuare quei film che meritano di essere visti e ricordati. Il proposito è quello di valutare secondo la Verità, da chiunque sia detta, segnalando le pellicole di sicuro valore.
I visitatori troveranno anche una sezione con l'archivio delle recensioni, i trailer dei film e molto altro ancora.
(da "Il Timone" n° 114
giugno 2012 - pag. 67)

BASTABUGIE.it
filmgarantiti.it